Videogames: The Shapeshifting Detective

(Genova)ore 19:08:00 del 05/01/2019 - Classe: , Videogames

Videogames: The Shapeshifting Detective
La morte di Dorotha Shaw era stata prevista sul serio o si è trattato di un piano ben architettato dai complici per coprire l’assassino?

The Shapeshifting Detective è un noir con elementi sovrannaturali che narra le vicende legate alla sfortunata sorte della bella e conturbante Dorota Shaw, assassinata in circostanze misteriose. I principali sospettati sono tre cartomanti che attraverso la lettura dei tarocchi sono in grado, tra le altre cose, di prevedere i futuri omicidi.
La morte di Dorotha Shaw era stata prevista sul serio o si è trattato di un piano ben architettato dai complici per coprire l’assassino?

Dietro questa domanda si cela la più grande verità di The Shapeshifting Detective, tutta da scoprire nel corso delle circa cinque ore che impiegherete per arrivare ai titoli di coda. La storia, raccontata tutta in inglese, è ambientata quasi interamente all’interno di un piccolo albergo di periferia, con sortite esterne piuttosto rare che si verificano quando bisognerà interrogare gli altri personaggi che entreranno in scena nella seconda metà di gioco.
Il giocatore interpreterà un detective, incaricato dal capo della polizia, pronto a indagare sulla morte di Dorotha Shaw. È un personaggio che non vedrete mai, dai contorni sfumati, che non appare nella foto in basso a sinistra come tutti gli altri e che è volutamente spersonalizzato per tentare di farvi immedesimare il più possibile.

Ciò, in realtà, non succede mai, perché di fatto The Shapeshifting Detective è molto limitato; è un titolo da approcciare in maniera quasi del tutto passiva, una sorta di librogame moderno con una struttura eccessivamente rigida. In The Shapeshifting Detective non potrete muovervi; potrete solo selezionare a chi rivolgervi, dare input, scegliere delle domande, decidere a chi farle, tirare le somme e andare al capitolo successivo. In realtà D’Avekki Studio ha previsto una sorta di sistema randomico di assassini, pertanto le partite successive, a seconda dei bivi intrapresi, possono cambiare le carte in tavola. Non aspettatevi tuttavia chissà quali stravolgimenti, perché l’ossatura di gioco (e tutti i difetti che si porta dietro) rimane la medesima, con sommo disappunto di chi si ritrova catapultato d’improvviso nell’ultimo ventennio videoludico del ‘900.

Una storia semplice

La caratteristica più interessante di The Shapeshifting Detective (in verità anche l’unica che risolleva un minimo la produzione), è la possibilità di passare da un personaggio all’altro e scoprire così quali sono le reali intenzioni dei protagonisti. Se a un certo punto le domande finiscono, o se i personaggi faranno finta che davanti a loro non ci sia nessuno, allora potrete osservare i fatti ed elaborarli da un’altra prospettiva. Per farlo, dovrete tutte le volte entrare nella vostra stanza d’albergo, in un andirivieni che risulta essere fastidioso e tedioso.

The Shapeshifting Detective è diviso in capitoli e alla fine di ogni capitolo si potrà scegliere se passare al prossimo o se restare in quello corrente per verificare qualche dialogo tralasciato. 
Da esplorare non c’è nulla e ci limiteremo a interagire con i nove protagonisti. La particolarità, rispetto al solito selezionare una delle frasi proposte, è che potremo scartarne alcune. Suona noioso? Non lo è, perché “shapeshifting” sta per “mutaforma” e siamo noi il mutaforma! Potremo infatti impersonare uno dei protagonisti e tornare dagli altri per ottenere quella risposta o quella reazione che non avremmo mai avuto di persona. 
Manca un riassunto scritto, per conoscere i nostri progressi bisogna andare dall’ispettore e chiedere a lui il punto della situazione.

Longevità

La voglia di girarsi tutti i personaggi renderà abbastanza lunga la nostra prima corsa (circa 4 ore). Per le successive, gli sviluppatori hanno dato ascolto ai giocatori inserendo il tasto “skip”. C’è però il problema di non sapere di preciso cosa abbiamo saltato, perché i sottotitoli precedenti non restano impressi. Inoltre le location non vengono grigiate quando, di fatto, non è possibile interagire. Quindi ci troveremo il filmato della stanza vuota o del soggetto in questione e dovremo tornare indietro, perdendo tempo. 
Gli assassini potenziali sono tre e quello vero è casuale. 

Noi lo abbiamo giocato 3 volte e, pur avendo apprezzato le piccole sfumature che 1600 video FHD sanno offrire, abbiamo beccato sempre lo stesso assassino. Inoltre eravamo, e siamo rimasti, curiosi di conoscere la nostra storia, perché è proprio il protagonista a essere il più misterioso di tutti.

Conclusioni

The Shapeshifting Detective costa 10,99 su Steam e intorno ai 7 su G2A. Rispetto ad altri FMV è più film che gioco, però questo non lo rende qualcosa di passivo perché le scelte hanno un’influenza palpabile e si è fortissimamente spinti a fare almeno una seconda corsa. Per farne di più, probabilmente, sarebbero servite più opzioni di dialogo e qualche svolta. Durante i nostri gameplay il gioco è andato in crash 4 volte (senza conseguenze, salva di continuo)

Scritto da Carmine

News in vetrina
The Princess Guide: provato
The Princess Guide: provato
(Genova)
-

Alla forza bruta, Veronica preferisce l’utilizzo della materia grigia: astuta e manipolatrice, la rampolla della più eminente scuola di magia dei quattro reami di Relic Island instaurerà un rapporto quasi paritario con il giocatore, che dovrà evitare di e
  Son tutti bravi ad impugnare una spada o un’enorme ascia bipenne, trincerarsi...

Anno 1800: provato
Anno 1800: provato
(Genova)
-

Tendenzialmente ogni bene di consumo ha dietro di sé una catena produttiva specifica, a volte condivisa con altre, a volte univoca.
  L’esplorazione di mondi futuri non ha portato benissimo ad Anno e a Blue...

Weedcraft Inc: provato
Weedcraft Inc: provato
(Genova)
-

Oltre a Clyde bisognerà vedersela con molti altri individui e non tutti saranno disposti a tollerare di buon grado l'astro nascente dello spaccio locale.
  Sono passati oltre ottanta anni dall’emanazione del Marijuana Tax Act da...

Pumped BMX Pro: provato
Pumped BMX Pro: provato
(Genova)
-

All’inizio del gioco avremo accesso al primo set di mosse, più precisamente 8, corrispondenti ad ogni posizione dello stick analogico destro, e saranno i tricks più classici come barspin, turndown, tailwhip, superman etc.
  Pumped BMX Pro non è uno di quei giochi che vi terrà impegnati per ore e ore...

Assassins Creed III Remastered: provato
Assassins Creed III Remastered: provato
(Genova)
-

Tutta questa abbondanza è però tristemente bilanciata dalle sezioni nel presente con Desmond, dove traspare l’inesperienza degli sviluppatori cui furono ai tempi affidate.
  L’attuale generazione non sembra proprio in grado di districarsi del tutto da...




Network Informazione
Italiano Sveglia
Blog Italiano
Blog Notizie
Giornale di Oggi
Informarsi
Italia Blog
Leggendo
Notiziario Italiano
Notizie Blog
Notizie di Oggi
Notizie blog | Informazioni | Sitemap articoli

2013 Notizie Blog - Tutti i diritti riservati