Udine: direttore di banca ruba 1 milione di Euro per donarlo ai poveri

(Udine)ore 21:37:00 del 09/10/2018 - Classe: , Cronaca

Udine: direttore di banca ruba 1 milione di Euro per donarlo ai poveri
Gilberto Baschiera è stato licenziato per aver sottratto soldi dai conti correnti dei clienti più facoltosi.

Qualcuno l'ha già definito un moderno Robin Hood. Gilberto Baschiera, ex direttore della filiale di Forni di Sopra della Banca di Carnia e Gemonese del Credito Cooperativo, è stato licenziato per un rilevante ammanco di denaro. L'uomo, infatti, è accusato di aver architettato, dal 2009, una strategia a suo parere di giustizia sociale nei confronti di tutte quelle persone vittime del sistema economico che non li tutelava.

In quasi 7 anni Baschiera ha sottratto dai conti correnti dei clienti più facoltosi quasi 1 milione di euro salvo poi girarli ai conti delle persone più in difficoltà. Quando l'ammanco è stato scoperto, però, per lui sono iniziati i problemi.

Come riporta il Corriere della Sera l'uomo è stato denunciato alla Procura della Repubblica di Udine. L'uomo è finito sotto inchiesta per appropriazione indebita e truffa ed ha patteggiato a due anni con pena sospesa con la condizionale. Inoltre il quarantanovenne ha anche dovuto rinunciare alla casa per la quale è stato disposto il sequestro.

Ha iniziato nel 2009 a sottrarre soldi ai ricchi per darli ai poveri

L'uomo ha agito quasi per giustizia personale contro un sistema che a suo parere abbandona anziani e giovani senza lavoro i quali sono impossibilitati ad accedere ai vari sistemi di credito. Per lui, ora oltre ai vari problemi penali, è arrivato anche il licenziamento. Il Corriere della Sera riporta le dichiarazioni dell'avvocato di Baschiera, Roberto Mete, che ha cercato di spiegare il motivo che ha spinto il suo assistito a compiere tale gesto.

Secondo l'avvocato avrebbe agito per aiutare correntisti in difficoltà che non riuscivano ad accedere al credito. Baschiera ha dichiarato di aver sempre cercato di tutelare i risparmiatori e soccorrere chi avesse bisogno e che, una volta scoperta la truffa, ha contattato telefonicamente tutte le persone a cui ha sottratto il denaro per cercare di spiegare meglio le ragioni del suo gesto.

Inoltre ha anche detto di esser pronto a restituire tutti i soldi. Ora, però, si ritrova senza una casa, senza un lavoro e con un patteggiamento a due anni con pena sospesa. Non è ancora chiaro se i fortunati ricevitori dei "regalini" fossero a conoscenza di queste somme extra che si ritrovavano accreditate o se non si rendessero conto di ricevere somme superiori a quelli che gli spettavano. Qualora vengano accertate le loro responsabilità potrebbero essere chiamati loro stessi a restituire le cifre e indagati per favoreggiamento per non aver denunciato il fatto nonostante ne fossero a conoscenza.

Da: QUI

Scritto da Alberto

News in vetrina
Terremoto Emilia, colpa delle trivelle?
Terremoto Emilia, colpa delle trivelle?
(Udine)
-

Terremoto in Emilia: 27 morti, nel maggio 2012, per colpa di operazioni imprudenti, a caccia di “shale oil” nel sottosuolo?
Terremoto in Emilia: 27 morti, nel maggio 2012, per colpa di operazioni...


(Udine)
-


È partita sfida dell'Umbria al decreto Sicurezza di Matteo Salvini. Il tema è...

Benvenuti in Italia, dove si MUORE al pronto soccorso dopo un'attesa di 6 ORE
Benvenuti in Italia, dove si MUORE al pronto soccorso dopo un'attesa di 6 ORE
(Udine)
-

Presunto caso di malasanità all’ospedale San Paolo di Fuorigrotta. Un uomo di 72 anni, Eduardo Estatico, è deceduto lamentando dolori lancinanti all’addome, ma ha aspettato sei ore prima di essere visitato.
Presunto caso di malasanità all’ospedale San Paolo di Fuorigrotta. Un uomo di 72...

Migranti: ecco il business della DETENZIONE e del RIMPATRIO (e i FRANCESI fanno soldi)
Migranti: ecco il business della DETENZIONE e del RIMPATRIO (e i FRANCESI fanno soldi)
(Udine)
-

La prefettura di Milano pubblica i bandi di gara per affidare centri e strutture per migranti e mette nero su bianco una realtà: punita economicamente la piccola accoglienza
È ufficiale: i famosi 35 euro per migrante sono stati cancellati. È finita la...

Milano, dov'e' la crisi? coda e ressa per le Nike Air Max   A 160 EURO
Milano, dov'e' la crisi? coda e ressa per le Nike Air Max A 160 EURO
(Udine)
-

Decine e decine di ragazzi hanno riempito via Statuto a Milano in attesa dell’apertura del NikeLab, lo store che ha messo in vendita in edizione limitata le nuove Air Max
Ancora una volta il negozio Nike Lab St18 è stato preso d'assalto da decine e...




Network Informazione
Italiano Sveglia
Blog Italiano
Blog Notizie
Giornale di Oggi
Informarsi
Italia Blog
Leggendo
Notiziario Italiano
Notizie Blog
Notizie di Oggi
Notizie blog | Informazioni | Sitemap articoli

2013 Notizie Blog - Tutti i diritti riservati