Sud Italia, dove INTERNET non esiste per 1 persona su 3

(Napoli)ore 09:19:00 del 18/04/2019 - Classe: , Denunce, Internet, Tecnologia

Sud Italia, dove INTERNET non esiste per 1 persona su 3
Secondo gli ultimi dati sull'utilizzo di internet e dei social network, anche per gli italiani l'utilizzo dei social è in crescita, dove Facebook è in testa con 31 milioni di utenti, seguito da Instagram e Pinterest. Ma quanto a penetrazione di internet r

Gli italiani sono sempre più online, sebbene al di sotto della media europea. Proviamo a quantificare il fenomeno, con particolare attenzione all’uso dei social network. Lo scorso 11 aprile l’Istat ha pubblicato “Noi Italia-100 statistiche per capire il Paese in cui viviamo”, ovvero un quadro completo sull’Italia, ricavato da oltre cento indicatori suddivisi per sei aree e diciannove settori. Tra i dati riportati, si legge che nel 2018 è aumentato l’uso del web, dal momento che più di una persona su due è online quotidianamente, in particolare si connette il 68,5% delle persone con più di sei anni. Tuttavia, in Europa siamo nelle ultime posizioni e dopo di noi ci sono soltanto Grecia, Croazia, Bulgaria e Romania. L’Italia è al di sotto della media europea anche per un altro indicatore, dato dal numero di famiglie che hanno accesso a Internet. Il centro-nord va meglio, con il 71,8% e il 76,2% che dispone di una connessione veloce, ma al Sud le percentuali sono 62,2% e 68,5%. Non sorprende quindi leggere anche che l’Italia è diciannovesima in Europa nella classifica dei Paesi in cui le imprese con almeno 10 dipendenti usano un sito web.

Che i social network siano diventati un’abitudine è confermato dalla reazione degli utenti della scorsa domenica, quando più o meno in contemporanea Facebook, WhatsApp e Instagram hanno avuto problemi e non consentivano l’accesso degli utenti

Siamo sempre più online ma in ritardo rispetto agli altri partner europei. A questo punto possiamo chiederci cosa facciano i nostri connazionali su Internet. Una risposta può arrivare da altri dati, quelli Audiweb powered by Nielsen, forniti da Vincenzo Cosenza e che hanno ad oggetto i social network. L’analisi prende in considerazione la total digital audience, cioè tutte le persone che vi accedono da desktop e da mobile. La scorsa estate abbiamo letto che in Italia gli utenti attivi di Facebook sono 31 milioni al mese, di cui 29 milioni da mobile e 25 milioni al giorno, di cui 24 da dispositivi mobili. Adesso abbiamo ulteriori dettagli. 

La società di Menlo Park si conferma leader ma pare che a dicembre sia stata superata da Youtube. Cresce Instagram, al terzo posto, con 24,4 milioni di utenti italiani e Linkedin, che guadagna il 69% in un anno e arriva a raggiungere 16,5 milioni di iscritti. Segue poi un’altra piattaforma basata sulle immagini, Pinterest che colleziona 12,3 milioni di utenti e si colloca quindi al di sopra di Twitter, sui 9 milioni. Si evidenzia però che il social network dai 280 caratteri ha ritrovato lo stesso livello di pubblico del 2014 ed è in crescita. La veloce carrellata termina con Tumblr e i suoi 2,6 milioni di utenti, Snapchat che ne ha duecentomila in meno e Tik Tok che non raggiunge il milione. Cosenza riporta anche il tempo medio di utilizzo. Facebook in media è usato quattordici ore al mese, Youtube cinque ore e venti minuti, mentre Instragram cattura l’attenzione dei propri utenti in media per cinque ore al mese. Colpiscono i soli tredici minuti di Linkedin e i poco più di sessanta minuti di Twitter.

Che i social network siano diventati un’abitudine è confermato dalla reazione degli utenti della scorsa domenica, quando più o meno in contemporanea Facebook, WhatsApp e Instagram hanno avuto problemi e non consentivano l’accesso degli utenti. Come riporta tra gli altri il Guardian, già a marzo c’erano stati episodi analoghi e stavolta gran parte delle segnalazioni sono arrivate da America ed Europa. Incredulità e disappunto hanno caratterizzato molti commenti apparsi online, alcuni hanno ironizzato sulla dipendenza dalle piattaforme digitali ma in realtà questo è un fenomeno da non sottovalutare. Auspicabile è invece che la percentuale degli Italiani connessi possa crescere. Le potenzialità offerte dalla rete sono molteplici e il suo utilizzo appare imprescindibile non solo per motivi professionali ma in generale per disporre di maggiori informazioni e ampliare quindi le occasioni di conoscenza. Un esempio su tutti arriva ancora dal rapporto Istat, secondo cui infatti, soprattutto tra i giovani tra 20 e 34 anni, è aumentata la lettura via web di giornali e riviste.

Da: QUI

Scritto da Luca

News in vetrina
Deficit e Debito Pubblico sempre piu' critici, crescita ZERO. Promesse NON MANTENUTE
Deficit e Debito Pubblico sempre piu' critici, crescita ZERO. Promesse NON MANTENUTE
(Napoli)
-

Stime macroeconomiche della Commissione europea negative per l'Italia su pil, deficit e debito pubblico. La nostra economia non cresce e non riusciamo a risanare i conti pubblici, che peggiorano in maniera allarmante.
CRESCITA ZERO, ITALIA ULTIMA NELLA UE - Siamo quasi alla fine dell’anno ed è...

ATP Finals 2019 in TV e in streaming: come vederle
ATP Finals 2019 in TV e in streaming: come vederle
(Napoli)
-

Berrettini - Djokovic è il primo match delle ATP Finals 2019 di tennis. Ecco come vedere l'incontro in TV e in streaming
COME VEDERE LE ATP FINALS 2019 IN STREAMING - A 41 anni dall’ultima volta, un...

Dottor Google: AUTODIAGNOSTICARTI le malattie tramite il web ti uccide
Dottor Google: AUTODIAGNOSTICARTI le malattie tramite il web ti uccide
(Napoli)
-

Oltre il 97% delle persone ricerca informazioni sanitarie online. Ma spesso i risultati sono inaffidabili e portatori d’ansia
SEMPRE PIU' PERSONE ANSIOSE PER RICERCHE MALATTIE SU GOOGLE - 2 americani su 5...

Costi Pos: quanto ci costano i pagamenti per bancomat obbligatori
Costi Pos: quanto ci costano i pagamenti per bancomat obbligatori
(Napoli)
-

Secondo un'indagine di Altroconsumo gli esercenti arriverebbero a pagare delle commissioni abbastanza importanti.
QUANTO CI COSTA IL POS - Ridurre l’uso del contante per contrastare evasione e...

Tim, Vodafone e Wind denunciate per i tagli alle ricariche: VERGOGNA!
Tim, Vodafone e Wind denunciate per i tagli alle ricariche: VERGOGNA!
(Napoli)
-

Il Codacons denuncia all'Agcom e all'Antitrust la ricarica premium, novità messa sul mercato da Tim, Vodafone e Wind.
Il Codacons ha formalizzato il pensiero di milioni di utenti italiani sotto...




Network Informazione
Italiano Sveglia
Blog Italiano
Blog Notizie
Giornale di Oggi
Informarsi
Italia Blog
Leggendo
Notiziario Italiano
Notizie Blog
Notizie di Oggi
Notizie blog | Informazioni | Sitemap articoli

2013 Notizie Blog - Tutti i diritti riservati