La tecnologia WIRELESS? Un'arma invisibile che sta distruggendo la natura!

(Napoli)ore 09:40:00 del 31/08/2018 - Classe: , Denunce, Salute, Sociale

La tecnologia WIRELESS? Un'arma invisibile che sta distruggendo la natura!
Ora un nuovo rapporto ha scoperto che non siamo gli unici esseri viventi a essere interessati dalla nostra crescente dipendenza dalla tecnologia wireless.

La nostra dipendenza da cellulare trasforma la tecnologia wireless in un’arma invisibile che sta distruggendo la natura

di Reynard Loki
3 agosto 2018
dal sito Web di EcoWatch 

Vi è una crescente evidenza che la nostra dipendenza dai telefoni cellulari potrebbe avere un impatto sulla funzionalità del cervello ed essere la causa di:

  • stress
  • ansia
  • insonnia
  • mancanza di attenzione e concentrazione

Ora un nuovo rapporto ha scoperto che non siamo gli unici esseri viventi a essere interessati dalla nostra crescente dipendenza dalla tecnologia wireless.

Mammiferi, uccelli, insetti e persino piante sono probabilmente danneggiati dalla radiazione elettromagnetica ( EMR ) che emana da,

  • Wi-Fi
  • torri cellulari
  • trasmettitori
  • linee elettriche,

… secondo una nuova analisi (Gli impatti delle radiazioni elettromagnetiche artificialisulla fauna selvatica – Flora e fauna ) di 97 studi peer-reviewed condotti da EKLIPSE, un progetto di biodiversità ed ecosistema finanziato dall’Unione Europea.

I ricercatori hanno detto che,

“La prova sta accumulando che i mammiferi (ad esempio, pipistrelli e topi) hanno un senso magnetico” che è influenzato da campi elettromagnetici a radiofrequenza (RF-EMR).

Gli uccelli in particolare possono essere molto sensibili.

I ricercatori hanno scoperto che anche i campi magnetici deboli nella gamma di frequenze radio possono interrompere la magnetoreception degli uccelli, la loro capacità di utilizzare i campi magnetici terrestri per orientarsi e trovare la via di casa.

I piccioni viaggiatori sono ben noti per la loro magnetoricezione, ma questo senso è stato rilevato anche in altri animali, come le volpi rosse, e ci sono prove che persino i grandi mammiferi come i cervi usano i campi magnetici del pianeta per percepire la direzione.

Anche un certo numero di invertebrati, inclusi vermi, molluschi e moscerini della frutta, usano questa abilità.

Il rapporto ha anche concluso che l’EMR può anche alterare il metabolismo delle piante, causando,

“cambiamenti significativi … dimostrati a livello cellulare e molecolare”.

Gli autori hanno notato che anche un basso livello di esposizione a EMR,

“ha causato un rapido aumento dell’accumulo di trascritti legati allo stress nel pomodoro [piante]”.

La trascrizione è la prima fase nell’espressione di un gene, in cui uno specifico segmento di DNA viene copiato nell’RNA.

Gli autori hanno detto che i loro risultati indicano,

“l’urgente necessità di rafforzare le basi scientifiche delle conoscenze su EMR e il loro potenziale impatto sulla fauna selvatica”, in particolare richiamando la “necessità di basare la ricerca futura su esperimenti solidi, di alta qualità e replicabili in modo che prove credibili, trasparenti e facilmente accessibili può informare la società e i responsabili politici per prendere decisioni e inquadrare le loro politiche “.

L’organizzazione benefica britannica Buglife (che ha proposto l’analisi) ha avvertito che non c’era abbastanza ricerca per determinare i limiti dell’inquinamento EMR.

Il gruppo ha detto che,

“non si possono escludere gravi impatti sull’ambiente”,

… e ha esortato che i trasmettitori 5G non dovrebbero essere collocati vicino a luci stradali, che attirano insetti notturni come falene, né in aree vicino alla natura.

Il CEO di Buglife, Matt Shardlow, che ha fatto parte del gruppo direttivo del rapporto, ha avvertito che,

“esiste un rischio credibile che il 5G possa avere un impatto significativo sulla fauna selvatica”.

Ha aggiunto:

“Applichiamo i limiti a tutti i tipi di inquinamento per proteggere l’abitabilità del nostro ambiente, ma ancora, anche in Europa, i limiti di sicurezza della radiazione elettromagnetica non sono stati determinati, per non dire applicati.

Questo è un classico caso di fuori di vista fuori dalla mente, solo perché gli umani non possono vedere la radiazione elettromagnetica questo non significa che gli animali non possono “vedere” l’inquinamento o essere significativamente colpiti a livello neurale o cellulare.

Un programma di ricerca adeguato e misure politiche chiare sono in ritardo da tempo. “

Shardlow ha avvertito in modo specifico dell’attuale diffusione dei sistemi wireless di quinta generazione o delle reti 5Ge ha invitato le imprese di telecomunicazioni a studiare l’impatto della loro tecnologia wireless sulla fauna selvatica e rendere pubblici i loro risultati.

A maggio, il Qatar diventa la prima nazione al mondo ad avere una rete 5G. Il lancio commerciale mondiale di 5G è previsto per il 2020 …

Gli autori del rapporto hanno anche affermato che i campi EMR forti aumentano la temperatura nei tessuti viventi, ma l’intensità necessaria per indurre un tale riscaldamento è,

“non sperimentato dalla fauna selvatica (finora).”

È importante che abbiano lasciato la porta aperta a questa altra potenziale minaccia emergente, dal momento che i tassi di adozione dei cellulari sono in costante aumento a livello globale.

Il numero di utenti di smartphone in tutto il mondo è previsto crescere da 2,1 miliardi nel 2016 a circa 2,5 miliardi nel 2019, secondo Statista, una società di ricerche di mercato.

Ciò significa più torri cellulari e più EMR emessi nell’ambiente.

“Quando inizi a osservare e rendi conto che le rondini e le case di campagna non si annidano più nelle città e nei villaggi, quando ti accorgi che i passeri sono scomparsi, che di sera non ci sono pipistrelli che volano nel crepuscolo e che non senti più i gufi fischi, quindi inizierai a conoscere l’effetto che le microonde e le antenne hanno sul pianeta “, ha detto un commentatore a un articolo di One World News sul rapporto.

Il rapporto giunge al termine di un recente appello alle Nazioni Unite, firmato da oltre 200 scienziati di 41 paesi, che sollecita l’organismo internazionale ad affrontare i rischi posti dai campi elettromagnetici (EMF), i campi fisici prodotti da oggetti caricati da campi elettromagnetici e radiazione a radiofrequenza.

Nello specifico, gli scienziati vogliono che l’ONU,

“riconoscere che l’esposizione ai campi elettromagnetici è una crisi emergente per la salute e l’ambiente che richiede una risposta prioritaria”.

“I biologi e gli scienziati non vengono ascoltati nei comitati che stabiliscono standard di sicurezza”, ha affermato il Dr. Martin Blank del Dipartimento di Fisiologia e Biofisica Cellulare presso la Columbia University e firmatario dell’appello, in un video all’indirizzo sul sito web di International EMF Alliance , un gruppo fondato nel 2009 che diffonde informazioni ai responsabili delle politiche e alle autorità sanitarie in merito ai potenziali effetti delle radiazioni elettromagnetiche.

“I fatti biologici vengono ignorati e, di conseguenza, i limiti di sicurezza sono troppo alti e non sono protettivi”.

Sebbene le prove stiano aumentando il fatto che gli esseri umani possano anche essere fisiologicamente colpiti da EMF, la giuria è ancora fuori sull’impatto dell’esposizione a bassa frequenza a lungo termine.

L’ Organizzazione mondiale della sanità (OMS) ha concluso che,

“le prove attuali non confermano l’esistenza di conseguenze sulla salute derivanti dall’esposizione a campi elettromagnetici di basso livello”.

Tuttavia, l’agenzia ammette che,

“esistono alcune lacune nella conoscenza degli effetti biologici e necessitano di ulteriori ricerche”.

Ma l’OMS è parzialmente responsabile della preoccupazione diffusa.

Come sottolinea Bob Berman nel suo recente libro Zapped – From Infrared to X-rays, la curiosa storia diInvisible Light:

“Alcuni dei timori si basano su un rapporto pubblicato nel 2011 dall’Agenzia internazionale per la ricerca sul cancro (IARC) dell’Organizzazione mondiale della sanità.

L’agenzia si era riunita a Lione, in Francia, per discutere degli studi scientifici che riguardavano la questione se esistesse una relazione tra campi elettromagnetici a radiofrequenza (RF-EMF) e cancro.

Dopo intense riflessioni e con grande sorpresa del mondo in generale, gli esperti hanno deciso di classificare le onde RF-EMF emesse da telefoni cellulari, torri cellulari e reti Wi-Fi come categoria 2B, indicando un “possibile cancerogeno per l’uomo”.”

Per il dottor Martin Blank ei suoi colleghi che sollevano la bandiera di avvertimento alle Nazioni Unite, le prove sono chiare.

“Cellulari, tablet, Wi-Fi, ecc …

Senza mezzi termini, stanno danneggiando le cellule viventi nei nostri corpi e uccidendo molti di noi prematuramente”, ha detto nel suo indirizzo video. “L’aumento dell’esposizione alle radiazioni elettromagnetiche è un problema globale: l’Organizzazione Mondiale della Sanità e gli organismi internazionali di normazione non agiscono per proteggere la salute e il benessere del pubblico. Le linee guida internazionali sull’esposizione per i campi elettromagnetici devono essere rafforzate.”

Nel suo indirizzo video, il Dr. Blank ha suggerito che gli attuali limiti di sicurezza EMF potrebbero essere inadeguati a causa dell’influenza dell’industria delle telecomunicazioni sui responsabili delle politiche.

“Una maggiore protezione probabilmente deriverà dalla piena divulgazione di possibili conflitti di interesse tra regolatori e industria”, ha affermato.

“Abbiamo creato qualcosa che ci sta danneggiando, e sta andando fuori controllo. Prima della lampadina di Edison, c’era pochissima radiazione elettromagnetica nel nostro ambiente. I livelli oggi sono molto più alti dei livelli di fondo naturali e stanno crescendo rapidamente a causa di tutti i nuovi dispositivi che emettono questa radiazione. Un esempio che molti di noi hanno nelle loro tasche è il cellulare.”

Da: QUI

Scritto da Gerardo

News in vetrina
Dieta settembre 2019 per tornare in forma dopo le vacanze
Dieta settembre 2019 per tornare in forma dopo le vacanze
(Napoli)
-

DIETA SETTEMBRE 2019 - Consigli del dott., biologo nutrizionista, Marty Fierro. 
DIETA SETTEMBRE 2019 - Consigli del dott., biologo nutrizionista, Marty...

Influenza Settembre 2019: sintomi e cura
Influenza Settembre 2019: sintomi e cura
(Napoli)
-

INFLUENZA SETTEMBRE 2019 - Nei periodi estivi i fattori che possono portare alla comparsa di sintomi influenzali o parainfluenzali sono fondamentalmente due: oltre al fattore ambientale (con gli sbalzi di temperatura, sia quelli naturali che quelli “artif
INFLUENZA SETTEMBRE 2019 - Nei periodi estivi i fattori che possono portare alla...

Milano, ecco la foresta urbana: 3 milioni di piante in piu'
Milano, ecco la foresta urbana: 3 milioni di piante in piu'
(Napoli)
-

PROGETTO FORESTA URBANA MILANO - Ad oggi in quel di Milano si contano circa mezzo milione di alberi, e 5 milioni e mezzo nei 133 Comuni circostanti, ma entro il 2030 di piante ce ne saranno 3 milioni in più.
PROGETTO FORESTA URBANA MILANO - Ad oggi in quel di Milano si contano circa...

Macronutrienti nella dieta: come ripartirli
Macronutrienti nella dieta: come ripartirli
(Napoli)
-

MACRONUTRIENTI NELLA DIETA - Gli alimenti che consumiamo quotidianamente sono costituiti da molecole dotate di funzione energetica, plastica e regolatrice, che controllano le attività cellulari alla base del corretto funzionamento del corpo umano.
MACRONUTRIENTI NELLA DIETA - Gli alimenti che consumiamo quotidianamente sono...

Italiani primi evasori in Europa: di chi la colpa?
Italiani primi evasori in Europa: di chi la colpa?
(Napoli)
-

EVASIONE, ITALIA PRIMA IN EUROPA - Italia prima in Europa per evasione fiscale in termini assoluti dell’Iva.
EVASIONE, ITALIA PRIMA IN EUROPA - Italia prima in Europa per evasione fiscale...




Network Informazione
Italiano Sveglia
Blog Italiano
Blog Notizie
Giornale di Oggi
Informarsi
Italia Blog
Leggendo
Notiziario Italiano
Notizie Blog
Notizie di Oggi
Notizie blog | Informazioni | Sitemap articoli

2013 Notizie Blog - Tutti i diritti riservati