Governo, arrivano i RIMBORSI per i TRUFFATI dalle banche?

(Firenze)ore 09:35:00 del 07/04/2019 - Classe: , Economia, Lavoro, Politica

Governo, arrivano i RIMBORSI per i TRUFFATI dalle banche?
Banche, Conte: “Ho sollecitato Tria su rimborsi ai truffati”. E arriva l’intesa: giovedì decreto crescita con le norme

Trovata l’intesa nel governo sulla “blindatura” dei rimborsi ai risparmiatori coinvolti nelle crisi bancarie, che arriverà con un norma nel decreto crescita atteso in cdm giovedì pomeriggio scritta in modo da garantire i funzionari del Tesoro dal rischio di procedimenti davanti alla Corte dei Conti. Subito dopo sarà emanato il decreto attuativo che dia il via alle erogazioni. E’ il punto di caduta di una nuova giornata di tensione nell’esecutivo sulla figura del ministro dell’Economia Giovanni Tria, messo sotto pressione dai due vicepremier Luigi Di Maio e Matteo Salvini e oggi anche dal premier Giuseppe Conte sia per il varo del decreto sia per il caso della consigliera Claudia Bugno di cui l’M5s chiede un passo indietro.

“Il nostro obiettivo politico molto forte è procedere con i risarcimenti” ai risparmiatori truffati dalle banche nel modo più rapido possibile, aveva detto Conte in mattinata da Doha, spiegando: “Ho sollecitato il ministro Tria a procedere in questa direzione, c’è ancora qualche passaggio tecnico da fare ma confido che vadano nel decreto crescita“. Alla domanda sulle “ventilate dimissioni” di Tria, il premier ha comunque risposto che “non c’è niente all’ordine del giorno”. Dal canto loro le opposizioni, per paradosso, difendono Tria chiedendo che riferisca in Parlamento sulle presunte “intimidazioni” ai suoi danni.

Nel pomeriggio la situazione si è sbloccata e domani dovrebbe arrivare in cdm una norma per definire meglio le misure per ilFondo Indennizzo Risparmiatori. Il meccanismo studiato dovrebbe precisare meglio il procedimento individuato dal governo, con l’attribuzione alla Consap dei poteri di erogazione dei risarcimenti e con l’inserimento esplicito del requisito della indipendenza per i membri della commissione incaricata dell’esame delle richieste, in modo di rafforzare il ruolo di chi individuerà i beneficiari. Nei giorni scorsi si è valutato l’inserimento di una soglia a 35mila euro di reddito e 100mila euro di patrimonio per concederli senza esame della commissione ministeriale.

Salvini: “Se ciascuno fa il suo lavoro non deve temere” – Nonostante il pressing di Conte – che dal Qatar ha indicato la data di domani alle 18 per il via libera del Cdm al dl crescita – il provvedimento rischia di slittare. Dietro il possibile rinvio, a quanto apprende l’Adnkronos da fonti M5s, ci sarebbero ancora le tensioni tra i pentastellati e il ministro dell’Economia Giovanni Tria. Nel decreto in questione, che raccoglie le misure messe in campo da un lato dal responsabile di via XX Settembre e dall’altro quelle del ministro dello Sviluppo economico Luigi Di Maio, figurerebbero una serie di interventi voluti da Tria ma sgraditi ai 5 Stelle. La strada per il disco verde, riferiscono le stesse fonti, al momento sembra accidentata per tagliare il traguardo già domani.

Il vicepremier Matteo Salvini dal canto suo ha detto che per rimborsare i risparmiatori “i soldi ci sono”, quindi “sto aspettando, come tanti italiani truffati, che la burocrazia del ministero dell’Economia partorisca i decreti attuativi perché la gente ha fretta, i mutui non aspettano, le tasse non aspettano. Facciano in fretta”. “Sullo sblocca cantieri spero che non ci sia qualche ministro che rallenta”, ha aggiunto Salvini. “Bisogna completare tutte le opere ferme, penso all’alta velocità da nord a sud, alle autostrade, ai tunnel, ai porti e aeroporti. Non è più tempo di perdere tempo”. Tria sotto assedio? “Non mi sembra. Se ciascuno fa il suo lavoro non deve avere nessun timore“, ha detto Salvini.

Tria: “Spazzatura contro di me ma l’intimidazione non passa” – Proprio Tria, in un colloquio con il Corriere della Sera, ha parlato delle accuse di favoritismo alla sua collaboratrice Bugno e degli attacchi arrivati soprattutto dal fronte M5s: “Spazzatura contro di me, ma l’intimidazione non passa. Come reagirebbero i mercati se andassi via dal governo?”. Nelle scorse ore Bugno ha rinunciato all’approdo in StMicroelectronics, azienda partecipata dello Stato, dopo essere finita al centro delle polemiche: a ottobre scorso il figliastro di Tria è stato assunto dall’azienda del suo compagno. Il ministro ha parlato di “un attacco spazzatura sul piano personale. Le cose possono apparire molto diverse a seconda di come si presentano”, e si è lamentato di presunte “violazioni della privacy”. “Mi chiedo”, ha detto, “chi è che passa ai giornalisti queste cose”. Tria ha anche respinto comunque qualunque ipotesi di dimissioni: “Sciocchezze. Se andassi via dovremmo vedere quale sarebbe la reazione dei mercati”.

Buffagni: “Voglio le dimissioni della Bugno” – Il passo indietro della Bugno non è ancora sufficiente per i 5 stelle. E a ribadirlo, in un’intervista a Repubblica, è stato il sottosegretario M5s Stefano Buffagni: “Voglio vedere le dimissioni e mi domando come sia stata indicata per St Microelectronics visto che non ha quel tipo di percorso. Chi lavora per il Paese è benvenuto, chi lo fa per altre logiche si faccia un esame di coscienza”. Per i 5 stelle stamattina è intervenuto anche il sottosegretario agli Esteri Manlio Di Stefano: “Se Tria aveva queste preoccupazioni sulla sua firma da apporre a questo decreto”, ha detto ad Agorà su Rai3, “ce lo doveva dire quando è stata approvata la manovra, quando c’era il suo beneplacito. Nella manovra c’erano i soldi stanziati per la copertura di questi risarcimenti e quella manovra l’ha firmata Tria. Quindi se tu firmi una manovra e il Parlamento la vota tu, essendo esecutivo, hai il dovere, non il piacere o la scelta, di fare poi il decreto attuativo. Altrimenti non stai facendo il tuo lavoro”.

Opposizioni in difesa del ministro – Alla luce di queste dichiarazioni, Pd e Forza Italia hanno chiesto che Tria “riferisca immediatamente al Parlamento sulle intimidazioni a cui sarebbe costretto”. “In un’intervista”, ha dichiarato Giorgio Mulè, “dice che non cede alla spazzatura e che l’intimidazione non passa. Un ministro di questo governo è dunque intimidito con il peso di una minaccia sulla sua persona. C’è qualcuno che vuole coartare la sua volontà. Questo Parlamento ha l’obbligo di ascoltare al più presto la denuncia politica di un galantuomo e di proteggerlo: egli è come una pecora tra i lupi nel suo splendido isolamento e lancia messaggi di aiuto”. “Non siamo qui per difendere l’operato, ma diciamo no ad un nuovo ‘metodo Boffo'”, ha aggiunto Borghi. A chiedere l’informativa di Tria sono state anche Leu e Fdi. “Anche nei confronti del ministro Tria è partita la macchina del fango, il Parlamento deve essere interessato a questa questione”, ha dichiarato il capogruppo di Leu Federico Fornaro.

“Le polemiche sul ministro Tria ci dicono che stiamo assistendo al rifiuto di prendere atto di una realtà dolorosa: i conti non tornano e bisogna fare qualcosa”, è il commento di Pierluigi Bersani. “Tria, per il ruolo che svolge, è ovviamente più consapevole di altri del problema e credo questa sia la sostanza di uno scontro che prelude a un’incertezza sul che fare a proposito di manovra di bilancio. Tutto il resto è un contorno, che a volte contiene anche, come ha detto il ministro, un pò di spazzatura”.

Brunetta: “Se va via spread a 500” – In difesa di Tria si è invece mobilitata Forza Italia. “Se va via Tria lo spread sale a 500″, ha detto il deputato Renato Brunetta a Radio anch’io su Rai Radio 1. “In questo momento è l’unica garanzia che questo paese non vada allo sfascio. Attaccarlo in un momento di questo genere, in cui lo spread sta risalendo, e oggi sarà probabilmente una giornata molto difficile per lo spread, è da irresponsabili e sfascisti”. Per la presidente dei senatori azzurri Anna Maria Bernini, “questo è ormai un governo di vietcong che si affrontano ogni giorno a colpi di guerriglia”. E ancora: “Il Tesoro è sotto assedio da parte dei partiti di maggioranza che pretendono il varo immediato dei rimborsi agli investitori truffati dalle banche fingendo di ignorare l’esistenza di vincoli ben precisi che ne impediscono l’elargizione indiscriminata, col rischio per chi firma il decreto di finire davanti alla Corte dei Conti“.

Da: QUI

Scritto da Luca

News in vetrina
Inciuco col PD? Gli elettori si sentono TRADITI dal M5S
Inciuco col PD? Gli elettori si sentono TRADITI dal M5S
(Firenze)
-

ELETTORI TRADITI DAI 5STELLE - La frattura vera nasce dalla decisione di Pd e M5S di appoggiare (insieme) Ursula von der Leyen come capo della Commissione Ue.
ELETTORI TRADITI DAI 5STELLE - La frattura vera nasce dalla decisione di Pd e...

Asili nido, azzerare rette per famiglie con redditi bassi
Asili nido, azzerare rette per famiglie con redditi bassi
(Firenze)
-

AZZERARE RETTE ASILI NIDO PER FAMIGLIE CON REDDITI BASSI - Oggi il presidente del Consiglio Giuseppe Conte si è presentato questa mattina alla Camera per tenere il suo discorso programmatico e ottenere la fiducia dall'Aula.
AZZERARE RETTE ASILI NIDO PER FAMIGLIE CON REDDITI BASSI - Oggi il presidente...

M5S PD: un governo nato con un SONDAGGIO ONLINE non puo' MAI piacere agli italiani!
M5S PD: un governo nato con un SONDAGGIO ONLINE non puo' MAI piacere agli italiani!
(Firenze)
-

M5S PD, IL NUOVO GOVERNO NON VOTATO DAGLI ITALIANI - Niente di irregolare, per carità.
M5S PD, IL NUOVO GOVERNO NON VOTATO DAGLI ITALIANI - Niente di irregolare, per...

Ricomincia la scuola: ecco il calendario e ponti 2019/2020
Ricomincia la scuola: ecco il calendario e ponti 2019/2020
(Firenze)
-

CALENDARIO E PONTI SCOLASTICI 2020 - L'anno scolastico è appena cominciato, in molte scuole i docenti già si sono riuniti per programmare l’attività didattica degli studenti.
CALENDARIO E PONTI SCOLASTICI 2020 - L'anno scolastico è appena cominciato, in...

5 milioni alle PMI con il BANDO DIGITAL IMPRESA: come partecipare
5 milioni alle PMI con il BANDO DIGITAL IMPRESA: come partecipare
(Firenze)
-

BANDO DIGITAL IMPRESA: COME FUNZIONA - La Regione Lazio, attraverso la pubblicazione del Bando Digital Impresa, vuole favorire lo sviluppo di aziende innovative e all’avanguardia nel settore tecnologico.
BANDO DIGITAL IMPRESA: COME FUNZIONA - La Regione Lazio, attraverso la...




Network Informazione
Italiano Sveglia
Blog Italiano
Blog Notizie
Giornale di Oggi
Informarsi
Italia Blog
Leggendo
Notiziario Italiano
Notizie Blog
Notizie di Oggi
Notizie blog | Informazioni | Sitemap articoli

2013 Notizie Blog - Tutti i diritti riservati