DiRT Rally 2.0: recensione anteprima

(Trento)ore 19:07:00 del 05/10/2018 - Classe: , Videogames

DiRT Rally 2.0: recensione anteprima
Le novità introdotte, infatti, restituiscono dall’altra un feeling passo a passo più vicino a quello di un auto reale, e più noto a coloro che guidano per davvero, con le opportune ed ovvie distinzioni da fare con la guida stradale.

 

Oramai è chiaro. Come esistono giocatori hardcore e casual gamer, devono esistere anche giochi appositamente pensati per ognuna delle due categorie, soprattutto in determinati generi. Tralasciando aiuti e curva di apprendimento che possono ammorbidire l’esperienza, è sempre più difficile per gli sviluppatori trovare un punto di incontro che sappia soddisfare contemporaneamente tutti.

Codemasters ci ha provato con DiRT 4, legato alle serie “sim-arcade” nel nome, nelle modalità e in qualche trovate di game-design (tra cui i circuiti procedurali), ma con il motore di gioco direttamente ereditato dall’ottimo engine della serie “total sim”, Rally.
Evidentemente il risultato non è stato quello sperato, dato che piuttosto che riunire tutto sotto un unico tetto e portare avanti questa visione, siamo stati chiamati a Londra per l’evento di presentazione di DiRT Rally 2.0, titolo totalmente votato alla simulazione pronto per evolvere la formula apprezzatissima del precedente capitolo.

DiRT Rally 2.0, da piloti per piloti

Con il bagaglio dell’esperienza dalla loro, i ragazzi di Codemasters hanno chiamato in aiuto piloti reali che, in qualità di model tester, hanno lavorato con l’unico obiettivo di potenziare la fisica e renderla così il più possibile vicina alla controparte reale. Non è stato un percorso facile e immediato: da una parte con il limite dei mezzi computazionali che generazionalmente parlando a livello di fisica e CPU iniziano a soffrire e dall’altra con le difficoltà che si affrontano nella sintesi di un modello di guida efficace e univoco a partire da tracciati e veicoli così diversi.

In particolare si è lavorato per plasmare le dinamiche di frizione fra pneumatici e asfalto, non solo considerando i coefficienti di attrito, ma aggiungendo il diverso affondo che le ruote compiono sui rispettivi fondi. Si è poi passati alla questione pesi, fondamentale per realizzare le diverse manovre tipiche della disciplina rallystica, anch’essi migliorati in maniera netta.

Ciò da una parte complica il sistema di guida, ma solo fino a un certo punto. Le novità introdotte, infatti, restituiscono dall’altra un feeling passo a passo più vicino a quello di un auto reale, e più noto a coloro che guidano per davvero, con le opportune ed ovvie distinzioni da fare con la guida stradale.

Niente da fare allora: schiena dritta e massimo impegno sia profuso che richiesto, per un videogioco alquanto esigente, deliberatamente non destinato a chiunque - nonostante esistano comunque veicoli più o meno adatti ad apprendere le meccaniche base, e al netto di una serie di tutorial live action che verrano diffusi via social, per i temerari desiderosi di imparare i segreti del rally partendo dai fondamentali.


La fisica credibile e il modello di guida inattaccabile sono tuttavia elementi sì indispensabili ma di per sé non sufficienti ad assicurasi la gloria ambiziosamente ricercata da Codemasters: ecco perché la ricetta di DiRT Rally 2.0 prevede anche un certo tipo di attenzione alle performance e alle licenze, fattori che possono fare la differenza tra un titolo interessante e uno davvero degno di nota. In materia di prestazioni, si segnalano i 60 frame al secondo anche su PlayStation 4 e Xbox One, con ulteriori incrementi della risoluzione fino a 4K su PS4 Pro e Xbox One X: per quanto la resa grafica non sia francamente al livello dei pesi massimi del genere (specie in termini di dettaglio e di impatto globale), è comunque confortante sapere di poter contare su una fluidità assoluta, senza cedimenti nel framerate e con anzi una reattività invidiabile. Il discorso contenuti prevede invece sei location particolarmente iconiche - al momento sono stati annunciati stage in Nuova Zelanda e in Argentina - e le prime otto tappe del calendario ufficiale del campionato FIA World Rallycross, con tanto di relative squadre aggiornate al 2018. Il tutto avendo a disposizione oltre cinquanta veicoli, con anche mezzi d'epoca presi dagli anni '80 e '90.

Come però è stato esplicitamente sottolineato a più riprese, l'intenzione è quella di rendere DiRT Rally 2.0 un prodotto in continua evoluzione, anche e soprattutto a seconda dei desideri della community: Codemasters si è dichiarata infatti pronta ad ascoltare le richieste dei fan e a procedere di conseguenza nei mesi a venire (ad esempio, Ross Gowing si è detto disponibile a rimettersi al lavoro su una corposa modalità VR, qualora sia effettivamente quella la direzione da intraprendere secondo gli appassionati). Scopriremo ad ogni modo il destino di DiRT Rally 2 a partire dal prossimo 26 febbraio, quando il racing game debutterà su PlayStation 4, Xbox One e PC.

 

Scritto da Gregorio

News in vetrina
The Princess Guide: provato
The Princess Guide: provato
(Trento)
-

Alla forza bruta, Veronica preferisce l’utilizzo della materia grigia: astuta e manipolatrice, la rampolla della più eminente scuola di magia dei quattro reami di Relic Island instaurerà un rapporto quasi paritario con il giocatore, che dovrà evitare di e
  Son tutti bravi ad impugnare una spada o un’enorme ascia bipenne, trincerarsi...

Anno 1800: provato
Anno 1800: provato
(Trento)
-

Tendenzialmente ogni bene di consumo ha dietro di sé una catena produttiva specifica, a volte condivisa con altre, a volte univoca.
  L’esplorazione di mondi futuri non ha portato benissimo ad Anno e a Blue...

Weedcraft Inc: provato
Weedcraft Inc: provato
(Trento)
-

Oltre a Clyde bisognerà vedersela con molti altri individui e non tutti saranno disposti a tollerare di buon grado l'astro nascente dello spaccio locale.
  Sono passati oltre ottanta anni dall’emanazione del Marijuana Tax Act da...

Pumped BMX Pro: provato
Pumped BMX Pro: provato
(Trento)
-

All’inizio del gioco avremo accesso al primo set di mosse, più precisamente 8, corrispondenti ad ogni posizione dello stick analogico destro, e saranno i tricks più classici come barspin, turndown, tailwhip, superman etc.
  Pumped BMX Pro non è uno di quei giochi che vi terrà impegnati per ore e ore...

Assassins Creed III Remastered: provato
Assassins Creed III Remastered: provato
(Trento)
-

Tutta questa abbondanza è però tristemente bilanciata dalle sezioni nel presente con Desmond, dove traspare l’inesperienza degli sviluppatori cui furono ai tempi affidate.
  L’attuale generazione non sembra proprio in grado di districarsi del tutto da...




Network Informazione
Italiano Sveglia
Blog Italiano
Blog Notizie
Giornale di Oggi
Informarsi
Italia Blog
Leggendo
Notiziario Italiano
Notizie Blog
Notizie di Oggi
Notizie blog | Informazioni | Sitemap articoli

2013 Notizie Blog - Tutti i diritti riservati