Devil May Cry V, la nostra prova

(Torino)ore 23:07:00 del 23/08/2018 - Classe: , Videogames

Devil May Cry V, la nostra prova


La demo giocabile alla Gamescom mette in scena la seconda missione del gioco, quindi ad una manciata di ore dall’inizio, tant’è che lo stesso Nero si stupisce delle potenzialità del suo “nuovo” braccio. La sequenza è stata snellita, togliendo alcuni filmati e funzionalità del gameplay per consentire alla stampa di andare subito al sodo. Ad esempio, nella demo come nel resto del gioco, si intuisce la possibilità di richiamare Nico – la nuova, affascinante e tosta comprimaria di Nero – ed il suo minivan, la quale ci permetterà di investire i tanto sudati red orbs per potenziare il nostro eroe ed acquistare nuove possibilità.

Ciò che abbiamo giocato è una sequenza tipica di Devil May Cry, fatta di combattimenti con nemici casuali, un paio di puzzle ed infine uno scontro finale con un demone gigantesco dalle fattezze orribili. Andando con ordine, l’idea di Devil May Cry V è quella di avere un maggiore focus su Nero. La telecamera, nelle sequenze cittadine, è più vicina rispetto al passato, rendendo l’azione molto più “personale” e dinamica in certi momenti. Non è difficile immaginare che, in momenti più concitati e con più nemici a schermo, la telecamera si allarghi per dare più visibilità al giocatore, ovviamente.

Il feeling, pad alla mano, è molto simile, e chi ha confidenza con gli stylish action made in Capcom non avrà senz’altro problemi ad affettare demoni. Attacco con l’arma da mischia, arma da fuoco, salto e schivata fanno parte della routine abituale dei cacciatori di diavoli, ma il quinto episodio della serie aggiunge anche il Devil Trigger legato al braccio meccanico di Nero. Attraverso la pressione del pulsante B (su Xbox One), è possibile attivare una serie di effetti. Da solo, il Devil Trigger fa esplodere un’onda d’urto utile ad allontanare e danneggiare i nemici, mentre con il dorsale destro (agganciando quindi i nemici) è possibile attirarli a sé o, nel caso di boss o mostri più grandi, schizzare a tutta velocità verso di loro. Nero potrà attivare diversi tipi di funzionalità per le braccia ma alcune di queste (come una potente esplosione attivabile con il dorsale sinistro) avranno munizioni o possibilità d’uso limitate, le quali potranno essere raccolte attraverso la mappa.

All’inizio, forse complice il poco ventaglio di possibilità offerte dato dalle prime fasi dell’avventura, il gioco sembra più compassato, ma poco dopo si capisce che più di un rallentamento di ritmo si è di fronte ad un cambio. Incrociando spadate, arma da fuoco, agganci ed esplosioni, il ritmo del combattimento e dell’azione diventa quasi quelli di un picchiaduro ad incontri, dove il tempismo e la capacità di inanellare la mossa giusta dopo l’altra la fa da padrona. Verso la fine della demo siamo riusciti a creare cose molto carine in termini di combo, tra pura gioia estetica e funzionalità. La conclusione della stessa si è trasformata in una boss fight molto tipica, forse anche noiosa a tratti, perché basata tutta su schivate, attacchi, altre schivate.
Per concludere parliamo di stile, da sempre marchio di fabbrica di Devil May Cry.
In questo quinto episodio non c’è da preoccuparsi in questo senso, perché tutta la sequenza che vi abbiamo raccontato è condita da cutscene in cui Nero parla e si esibisce come lo smargiasso che è, mentre il mondo intorno a lui lascia a bocca aperta il giocatore per la bellezza degli scenari (abbiamo giocato su un kit di sviluppo di Xbox One), e per ciò che succede. Durante la boss fight con il demone ci si sposta tra vari livelli di una grossa cattedrale, tetto, navata ed esterno di nuovo, dove la creatura bestiale distrugge tutto ciò che trova a determinati “step” rispetto alla vita persa fino a quel momento. Le colonne esplodono facendo volare detriti qua e là, mentre Nero piroetta fuori approfittando dell’apertura per guadagnare un campo di battaglia esterno, più di ampio respiro dove muoversi in libertà. Durante la boss fight, il Devil Trigger torna molto utile per muoversi e rimanere sempre fuori dalla portata degli attacchi, sfruttando l’esplosione del dorsale sinistro anche come spinta propulsiva per effettuare delle poderose schivate in aria, che siamo sicuri sarà fondamentale nel caso di scontri con nemici dotati di pattern di attacco più variegati.

Da: QUI

Scritto da Gerardo

News in vetrina
Fifa 20 Volta Football: cosa conoscere
Fifa 20 Volta Football: cosa conoscere
(Torino)
-

Futsal, infine, non è altro che il classico calcio a cinque come siamo abituati a conoscerlo: ciò vuol dire che ci saranno degli arbitri - decisamente meno indulgenti rispetto alla classica modalità 11 contro 11 -, e si dovrà obbligatoriamente giocare in
  FIFA 20 VOLTA FOOTBALL ANTEPRIMA - Le meccaniche di gioco di Volta...

La prova di The Sinking City
La prova di The Sinking City
(Torino)
-

RECENSIONE THE SINKING CITY - Charles W. Reeds è un americano come tanti: ha svernato la guerra in marina, sta lentamente rotolando con successo fuori da proibizionismo e per campare fa l'investigatore privato
  RECENSIONE THE SINKING CITY - The Sinking City narra le vicende di Charles...

Hearthstone Salvatori di Udlum: cosa conoscere
Hearthstone Salvatori di Udlum: cosa conoscere
(Torino)
-

E, a proposito di combo, segnaliamo anche un’epica, la Maestra dei calci rotanti, 1/2 che mette nella mano del giocatore una carta combo ogni volta che ne si gioca una, aprendo a possibili cicli infiniti, letali per gli avversari del ladro.
  ANTEPRIMA HEARTHSTONE SALVATORI DI UDLUM - La nuova espansione di Hearthstone...

La prova di Darksiders III Keepers of the Void
La prova di Darksiders III Keepers of the Void
(Torino)
-

La prima impressione (che poi, vista la breve durata del contenuto è anche l’ultima) è che, al di là di qualche puzzle ingegnoso, con soluzioni prese di peso dai primi due capitoli della serie (il primo in particolare), il design di Keepers of the Void ri
  DARKSIDERS III KEEPERS OF THE VOID RECENSIONE - A mesi di distanza dalla...

Final Fantasy XIV ShadowBringers: provato
Final Fantasy XIV ShadowBringers: provato
(Torino)
-

Si tratta di un limite perfettamente comprensibile se si tiene a mente che il titolo è stato pubblicato originariamente in cross-play tra PC e PlayStation 3, e che nonostante tutto rimane uno dei titoli MMORPG sul mercato graficamente più curati.
  FINAL FANTASY XIV SHADOWBRINGERS RECENSIONE - Esistono due tipi di "veri fan...




Network Informazione
Italiano Sveglia
Blog Italiano
Blog Notizie
Giornale di Oggi
Informarsi
Italia Blog
Leggendo
Notiziario Italiano
Notizie Blog
Notizie di Oggi
Notizie blog | Informazioni | Sitemap articoli

2013 Notizie Blog - Tutti i diritti riservati