Codice Rosso, nuova legge contro la violenza sulle donne: come funziona

(Palermo)ore 08:26:00 del 21/07/2019 - Classe: , Nuove Leggi, Politica, Sociale

Codice Rosso, nuova legge contro la violenza sulle donne: come funziona
CODICE ROSSO NUOVA LEGGE CONTRO VIOLENZA SULLE DONNE - Via libera definitivo del Senato al ddl sulla tutela delle vittime di violenza domestica e di genere, il cosiddetto Codice rosso.

CODICE ROSSO NUOVA LEGGE CONTRO VIOLENZA SULLE DONNE - Via libera definitivo del Senato al ddl sulla tutela delle vittime di violenza domestica e di genere, il cosiddetto Codice rosso. Il provvedimento, che ha incassato l'ok definitivo del Parlamento e che con la pubblicazione in Gazzetta ufficiale sarà quindi legge, ha ottenuto 197 sì e 47 astenuti. Tra gli astenuti Leu e Pd.

CODICE ROSSO NUOVA LEGGE CONTRO VIOLENZA SULLE DONNE - Bongiorno, è svolta ma ora l'impegno continua  - "La legge Codice Rosso rappresenta il massimo che si può attualmente fare sul piano legislativo per combattere la violenza sulle donne". Lo afferma in una nota il ministro della Pubblica Amministrazione, Giulia Bongiorno. Si tratta, dice, "di un'importantissima novità con la quale vogliamo scongiurare che le donne stiano mesi o anni senza ricevere aiuto". Ma, aggiunge, "dopo questa svolta, sono consapevole che l'impegno per combattere la violenza sulle donne non può finire qui: per esempio, sarà essenziale operare sul piano della riduzione dei tempi dei processi penali". Ecco che, sottolinea, "fare il massimo sul piano legislativo è fondamentale, ma non basta. Come ho sempre sostenuto, la violenza sulle donne è molto spesso una conseguenza delle discriminazioni; dunque, gli interventi legislativi devono essere accompagnati da azioni concrete sul piano culturale". Comunque "oggi abbiamo aggiunto un mattone determinante nella costruzione di un'efficace lotta alla violenza"

CODICE ROSSO NUOVA LEGGE CONTRO VIOLENZA SULLE DONNE - Cosa prevede il Codice rosso
Il provvedimento è stato varato dal Consiglio dei ministri nel novembre del 2018 e prevede un iter più semplice e veloce per le denunce dei casi di violenza sulle donne. Il pubblico ministero, una volta ricevuta la denuncia, ha tre giorni per ottenere informazioni, mentre la polizia deve agire per compiere tutti gli atti del pm in tempi rapidi. Vengono anche allungati i tempi per sporgere denuncia, che passano da sei a dodici mesi. Tra le novità più discussa c’è la norma sul revenge porn, che è stata inserita dopo un duro scontro tra maggioranza e opposizione: si introduce il reato di ‘Diffusione illecita di immagini o video sessualmente espliciti’. Chiunque invii, consegni, ceda, pubblica o diffonda immagini e video con contenuti di questo genere senza il consenso del diretto interessato, può essere punito con la reclusione da uno a sei anni e una multa da 5 a 15mila euro.
Viene introdotto nel codice penale un nuovo reato, quello di sfregio del volto, con una pena che prevede la reclusione da otto a 14 anni. Con il Codice rosso si prevede anche di creare specifici corsi di formazione per il personale delle forze dell’ordine riguardanti la prevenzione ma anche il perseguimento dei reati in questione. Inserito anche il divieto dei matrimoni o delle unioni civili per coercizione, così come il sostegno economico agli orfani di femminicidio.
Il disegno di legge inasprisce, inoltre, le pene previste attualmente per i reati sessuali, tra cui anche lo stalking (la cui pena massima arriva ora a sei anni e sei mesi). Inoltre per il condannato di un reato sessuale viene prevista la possibilità di ottenere la sospensione condizionale della pena solamente nel caso in cui partecipi a specifici percorsi di recupero. Ancora, vengono inseriti alcuni obblighi di informazione a tutela delle vittime da effettuare in tempi rapidi. Infine, viene modificato il divieto di avvicinamento ai luoghi frequentati dalle vittime: i giudici, per le verifiche, potranno anche utilizzare mezzi elettronici o altri strumenti come il braccialetto elettronico.

Scritto da Gerardo

News in vetrina
Crisi di Governo? Tutte le POLTRONE che fanno gola ai parlamentari
Crisi di Governo? Tutte le POLTRONE che fanno gola ai parlamentari
(Palermo)
-

CRISI DI GOVERNO TUTTE LE POLTRONE IN GIOCO - Una settantina di nomine da effettuare entro l’autunno per evitare che la governance economica del Paese vada in folle.
CRISI DI GOVERNO TUTTE LE POLTRONE IN GIOCO - Una settantina di nomine da...

Italia a RISCHIO RECESSIONE, ma ai nostri parlamentari non interessa
Italia a RISCHIO RECESSIONE, ma ai nostri parlamentari non interessa
(Palermo)
-

ITALIA A RISCHIO RECESSIONE - Lo spettro della crisi economico-finanziaria torna a farsi vivo in Europa.
ITALIA A RISCHIO RECESSIONE - Lo spettro della crisi economico-finanziaria torna...

Italia, le regioni dove si pagano piu' tasse in assoluto
Italia, le regioni dove si pagano piu' tasse in assoluto
(Palermo)
-

LE REGIONI DOVE SI PAGANO PIU' TASSE - Il Nord Italia traina le casse del fisco.
LE REGIONI DOVE SI PAGANO PIU' TASSE - Il Nord Italia traina le casse del fisco....

Aumento Iva, 1200 euro la stangata per le famiglie
Aumento Iva, 1200 euro la stangata per le famiglie
(Palermo)
-

AUMENTI SPESE FAMIGLIE PER AUMENTO IVA - QUANTO AUMENTEREBBE SE...
AUMENTI SPESE FAMIGLIE PER AUMENTO IVA - QUANTO AUMENTEREBBE SE...L'argomento è...

Governo 5 Stelle PD? Ecco perche' sarebbe un DISASTRO per gli italiani
Governo 5 Stelle PD? Ecco perche' sarebbe un DISASTRO per gli italiani
(Palermo)
-

Forse i rischi per il Paese sarebbero maggiori. E forse sarebbe un ulteriore alibi per un’opposizione che dovrebbe, invece, cercarsi una proposta valida
GOVERNO PD 5 STELLE IN ARRIVO? - Un esecutivo che eviti l’aumento dell’Iva,...




Network Informazione
Italiano Sveglia
Blog Italiano
Blog Notizie
Giornale di Oggi
Informarsi
Italia Blog
Leggendo
Notiziario Italiano
Notizie Blog
Notizie di Oggi
Notizie blog | Informazioni | Sitemap articoli

2013 Notizie Blog - Tutti i diritti riservati