Candleman The Complete Journey, provato

(Cagliari)ore 13:33:00 del 12/02/2018 - Classe: , Videogames

Candleman The Complete Journey, provato
Gli ambienti saranno prevalentemente bui oppure scarsamente illuminati, e per proseguire sarà necessario accendere di tanto in tanto la candela, memorizzare l’ambiente circostante, spegnerla e proseguire a memoria.

All’interno di una nave misteriosamente naufragata, una piccola candela antropomorfa ritrova la vita, l’unica della sua specie a poter camminare.

Lo scopo è semplice: scoprire chi, o cosa ha ridato “vita” alla nave, facendola muovere in modo strano e talvolta magico. La premessa narrativa, intrigante ed esteticamente coinvolgente, serve a sviscerare un platform con una punta non fastidiosa di trial and error.

Attraverso una serie di capitoli, il nostro piccolo uomo candela dovrà superare una serie di ostacoli ambientali, avendo cura nel frattempo di accendere tutte le candele poste lungo il percorso (circa una decina per livello). Una di queste candele è più grande e fungerà da unico checkpoint del livello in corso. Candleman è semplice quanto brillante. La candelina bipede può solamente camminare e saltare, e con queste due capacità può (e deve) fare qualsiasi altra cosa come spingere un elemento dello scenario, ad esempio. Essendo l’unica candela in grado di accendersi, è possibile accendere la fiamma a piacimento, ma per un massimo di dieci secondi totali per ogni livello, pena il game over. Intorno all’assenza di luce si muove il gameplay di Candleman. Gli ambienti saranno prevalentemente bui oppure scarsamente illuminati, e per proseguire sarà necessario accendere di tanto in tanto la candela, memorizzare l’ambiente circostante, spegnerla e proseguire a memoria. I primi livelli non creano grossi problemi, perché si arriva alla fine con molta cera sulla candela, ma proseguendo nel gioco sarà necessario fare attenzione a non sprecare istanti preziosi di luce.

Gli enigmi non sono mai troppo complicati, difficilmente vi bloccherete nelle quattro ore (circa) che servono a portare a termine l’avventura principale. Tuttavia, nelle fasi avanzate del gioco compariranno anche dei veri e propri nemici, con tanto di boss fight che vi costringeranno a riprovare più volte la zona in corso. Al di là degli scontri con gli avversari, che forse risultano anche fuori posto e sembrano inseriti a forza per aumentare il ritmo dell’azione, il vero fulcro del gioco sono gli enigmi messi di fronte alla nostra candelina. Inizialmente tutto è incentrato sul contrasto tra luce ed oscurità, come zone di terreno parzialmente illuminate che costringono a salti alla cieca, ma successivamente le soluzioni di gioco iniziano a variare parecchio. Non si avverte mai il senso di noia, che è invece spesso in agguato in produzioni del genere, proprio grazie alla varietà di situazioni proposte. Successivamente bisognerà evitare tranelli come trappole di fuoco, tagliole, e piattaforme che appaiono e scompaiono a piacimento. L’unico checkpoint presente in ogni livello vi darà inizialmente una leggera sensazione di frustrazione, ma la cosa è parzialmente mitigata dalle candele accese durante il percorso, che rimangono tali anche in caso di fallimento e che rivelano la via e, di fatto, facilitando la ripetizione di taluni scenari. L’altra forza di Candelman è l’estetica. Per essere una produzione indipendente siamo di fronte ad una resa scenica di grande valore. Ottimi effetti di illuminazione collidono con altrettanto buoni effetti particellari, insieme ad un design malinconico di ambienti e “personaggi” che ricorda le produzioni di Tim Burton, pur non grottesche che siano. La colonna sonora, infine, accompagna dolcemente l’avventura della piccola candela alla ricerca di un faro – salvezza reale e metaforica – con note delicate e mai incessanti o invadenti.

In ciascun livello potremo godere di visuali molto diverse, con inquadrature dall’alto, in obliquo e dai lati, rispetto al personaggio, in modo da offrirci l’angolazione migliore a seconda dei momenti di gioco. Inoltre, potremo sperimentare tanti tipi diversi di movimento: tavole di legno che si muovo, botti di legno su cui saltare, travi che si inclinano con il nostro peso (il quale varia a seconda di quanto a lungo è bruciata la fiammella!), fino alla levitazione e molto altro!

Un tocco di classe e di raffinatezza è sicuramente dato da alcuni accorgimenti che rendono molto verosimile la natura del personaggio: se difficilmente avremo a che fare con una candela ambulante nella realtà, di certo però queste si consumano, si accorciano, non possono stare accese nell’acqua e soprattutto lasciano tracce di cera liquida muovendosi ( aiutandoci per altro a ritrovare anche al buio la strada percorsa, come un moderno Pollicino).

Non meno delicato è lo sfondo dell’ambientazione in cui ci troviamo di volta in volta, come se fossimo appena usciti da un libro di fiabe. Non vi sono assolutamente elementi splatter o kitsch, tutto è curato nel dettaglio e dà un senso di meraviglia, come i fiori dai colori fluorescenti (uno stratagemma molto efficace e astuto per illuminare l’ambiente), la nave rimasta nella tempesta, le pile di libri che dovremo scalare e via discorrendo.

La colonna sonora non è ricchissima di temi ad hoc, ma sono davvero ben curati gli effetti sonori che caratterizzano ogni singolo movimento del nostro protagonista. Il rumore dei passi sulle catene di ferro, le casse che si muovono e molto altro ancora, così come lo stoppino che brucia sulla nostra testa ogni volta che accendiamo la fiammella; tutto è curato nei minimi dettagli e perfettamente sincronizzato con i movimenti.

Un aspetto corollario, ma non per questo poco importante, è la possibilità di sbloccare achievement e ricevere alcuni oggetti collezionabili nella nostra libreria Steam, ossia delle carte che possono essere trasformate in gemme e usate a loro volta per creare dei pacchetti di carte (questo in particolare vale 1.200 gemme).

Scritto da Gregorio

News in vetrina
Age of Empires Definitive Edition, cosa conoscere
Age of Empires Definitive Edition, cosa conoscere
(Cagliari)
-

Giudicare un remake non è mai una questione semplice: bisogna contestualizzare l’opera rispetto ai tempi moderni, oppure mantenere intatto il filtro della nostalgia e far finta che nulla sia cambiato da allora?
Tutti abbiamo un videogioco dell’infanzia, quel titolo che ci ha introdotti in...

Kingdom Come Deliverance, provato
Kingdom Come Deliverance, provato
(Cagliari)
-

In Kingdom Come: Deliverance, invece, i nobili parlano ed il volgo (come il figlio di un fabbro) china il capo ed esegue.
Abituati come siamo - noi videogiocatori - ad associare le storie in ambito...

La prova di Vampyr
La prova di Vampyr
(Cagliari)
-

In Vampyr comunque avrete molta libertà d'azione (si può terminare il gioco senza uccidere) e spetterà solo a voi decidere che tipo di vampiro essere.
Vampyr è ambientato a Londra, nel 1918, ovvero il periodo successivo alla Great...

Dynasty Warriors 9, guida passo passo
Dynasty Warriors 9, guida passo passo
(Cagliari)
-

Dynasty Warriors 9 diventerà per la Koei il simbolo del cambiamento. Abbandonata completamente la struttura a livelli (battaglie) stagni per ciascuna campagna, si cala piuttosto il giocatore in un mondo aperto e liberamente esplorabile. A vostra disposizi
Le premesse della trama sono arcinote. Ci troviamo nella Cina del II secolo dopo...

Videogames: Yakuza 5 The Song Of Life
Videogames: Yakuza 5 The Song Of Life
(Cagliari)
-

Nello specifico, dopo un brevissimo intermezzo in cui Kiryu, a Hiroshima, si trova, senza apparenti motivi, a menare le mani con un ignoto sgherro nel bar di una certa Kiyomi, il giocatore viene immediatamente catapultato indietro nel tempo.
Non ha importanza quanti capitoli di Yakuza abbiamo giocato: ogni volta che si...




Network Informazione
Italiano Sveglia
Blog Italiano
Blog Notizie
Giornale di Oggi
Informarsi
Italia Blog
Leggendo
Notiziario Italiano
Notizie Blog
Notizie di Oggi
Notizie blog | Informazioni | Sitemap articoli

2013 Notizie Blog - Tutti i diritti riservati