APE Social Donne 2019: la guida

(Genova)ore 07:14:00 del 30/04/2019 - Classe: , Economia, Guide, Lavoro

APE Social Donne 2019: la guida
Quando si parla di Ape Social Donne è bene chiarire che non si tratta di un espediente volto ad uscire prima dal mondo del lavoro, ma si riferisce a determinate categorie di persone, ben definite dalla legge.

Quando si parla di Ape Social Donne è bene chiarire che non si tratta di un espediente volto ad uscire prima dal mondo del lavoro, ma si riferisce a determinate categorie di persone, ben definite dalla legge.

Anzitutto è importante ricordare che L’ape Sociale è rivolto a tutti coloro che sono iscritti all’Assicurazione generale obbligatoria dei lavoratori dipendenti, oppure ai cittadini che si trovano in particolari sottrazioni di difficoltà quali: disoccupati, a seguito della cessazione di un rapporto lavorativo per licenziamento, per scadenza del contratto lavorativo a tempo determinato oppure per licenziamento per giusta causa.

Altra categoria di persone alle quali è rivolto l’Ape sono coloro che assistono una parente o un coniuge, portatore di gravi handicap dell’articolo 3, comma 3, della legge 5 febbraio 1992, oppure che siano anch’essi affetti da problematiche fisiche, dunque portatori di 104.

Infine questo anticipo pensionistico è rivolto alle persone che hanno un’invalidità civile accertata pari o superiore al 74% e sono possedenti di un’anzianità contributiva di almeno 30 anni.

L’Ape sociale presta una particolare attenzione anche alle categorie di lavoratori dipendenti che negli ultimi 10 anni, abbino svolto almeno per 7 una o più attività, così definite gravose, come conduttori di mezzi pesanti, personale delle professioni sanitarie, insegnati della scuola dell’infanzia ed educatori degli asili nido, facchini, personale non qualificato ai servizi di pulizia, operatori ecologici etc…

Per il riconoscimento dell’indennità, alle donne vengono richiesti dei requisiti contributivi nettamente ridotti se madri di figli, nel limite massimo di due anni.

L’indennità APE Social per le donne decorre dal primo giorno del mese successivo alla presentazione della domanda di accesso al beneficio, ed è pari all’importo della rata mensile calcolata la momento dell’accesso alla prestazione, se questa ammonta ad un tetto inferiore a 1500 € o pari ad esso.

Se il soggetto richiedente ha già una contribuzione versata, il calcolo è effettuato pro quota per ciascuna gestione.

Generalmente si può affermare che il riconoscimento dell’anticipo pensionistico Ape Social Donne non è compatibile con l’attività lavorativa, tuttavia nel caso in cui i redditi non superino gli 8000€ lordi annui e con lo svolgimento di attività di lavoro autonomo nel limite di reddito di 4.800 euro lordi annui, è possibile continuare a svolgere dei lavori dipendenti.

Opzione Donna

Le lavoratrici che scelgono questa forma di pensione accettano il calcolo interamente contributivo dell’assegno, che quindi sarà più basso (il taglio può arrivare al 20-30% rispetto alla pensione mista).

=> Pensioni: guida al sistema contributivo

La nuova norma prevede l’allargamento della platea. Possono accedere a questa formula di pensione anticipata le lavoratrici dipendenti nate entro il 31 dicembre 1959 e le autonome nate entro il 31 dicembre 1958. La formulazione precedente, invece, consentiva l’accesso alle dipendenti nate entro il 31 dicembre 1958 e alle autonome con un anno in più (nate quindi entro la fine del ’57). In pratica, è stata alzata di un anno l’età per chiedere l’Opzione Donna. Resta il requisito contributivo di 35 anni.

Attenzione: si applicano le finestre di uscita, per cui dalla maturazione del diritto alla decorrenza della pensione passano 12 o 18 mesi, rispettivamente per lavoratrici dipendenti e autonome.

Scritto da Carmine

News in vetrina
Deficit e Debito Pubblico sempre piu' critici, crescita ZERO. Promesse NON MANTENUTE
Deficit e Debito Pubblico sempre piu' critici, crescita ZERO. Promesse NON MANTENUTE
(Genova)
-

Stime macroeconomiche della Commissione europea negative per l'Italia su pil, deficit e debito pubblico. La nostra economia non cresce e non riusciamo a risanare i conti pubblici, che peggiorano in maniera allarmante.
CRESCITA ZERO, ITALIA ULTIMA NELLA UE - Siamo quasi alla fine dell’anno ed è...

Palermo: se paghi la tassa sui rifiuti viaggi gratis
Palermo: se paghi la tassa sui rifiuti viaggi gratis
(Genova)
-

Paghi la tassa sulla spazzatura? Hai diritto a viaggiare gratis sui mezzi cittadini
VIAGGI GRATIS SE PAGHI L'IMMONDIZIA - "Uno dei problemi più gravi che assillano...

Tassa sulla plastica: regioni e prodotti piu' colpiti
Tassa sulla plastica: regioni e prodotti piu' colpiti
(Genova)
-

La plastic tax sarà un vero e e proprio colpo per molte industrie del settore e a rimetterci saranno in particolare alcune regioni italiane.
TASSA SULLA PLASTICA, REGIONI E PRODOTTI PIU' COLPITI - Quali sono i prodotti...

Costi Pos: quanto ci costano i pagamenti per bancomat obbligatori
Costi Pos: quanto ci costano i pagamenti per bancomat obbligatori
(Genova)
-

Secondo un'indagine di Altroconsumo gli esercenti arriverebbero a pagare delle commissioni abbastanza importanti.
QUANTO CI COSTA IL POS - Ridurre l’uso del contante per contrastare evasione e...

Microsoft: settimana lavorativa di 4 giorni? PRODUTTIVITA' SALE DEL 40%
Microsoft: settimana lavorativa di 4 giorni? PRODUTTIVITA' SALE DEL 40%
(Genova)
-

L’esperimento è stato fatto nella sede di Tokyo del colosso informatico, e ha riguardato 2.300 dipendenti. La produttività è aumetata del 39,9% e i costi aziendali si sono ridotti
MICROSOFT ECCO IL TEST DELLA SETTIMANA DI LAVORO DA 4 GIORNI - Lavorare meno per...




Network Informazione
Italiano Sveglia
Blog Italiano
Blog Notizie
Giornale di Oggi
Informarsi
Italia Blog
Leggendo
Notiziario Italiano
Notizie Blog
Notizie di Oggi
Notizie blog | Informazioni | Sitemap articoli

2013 Notizie Blog - Tutti i diritti riservati