Abzu: provato

(Milano)ore 19:30:00 del 02/12/2018 - Classe: , Videogames

Abzu: provato
Tematicamente, siamo dalle parti della favola ambientalista, che riflette col tratto delicato e silenzioso di un Journey sulla bellezza del male e sul male che gli stiamo arrecando.

 

Il rapporto dei videogiochi con il mare è più o meno quello che ci intrattengo io: ci vado da trent’anni tutti gli anni ma non ci siamo mai presi.

Le sezioni acquatiche non solo non sono quasi mai entrate nel cuore dei gamer, ma nel corso degli anni – vuoi per le limitazioni tecniche delle prime piattaforme che le hanno proposte, vuoi per scarsa qualità dei design  che le hanno… portate a galla – sono diventate meme e oggetto di scherno per youtuber.

E per questo la sola idea di realizzare un titolo basato esclusivamente su di esse, e giocato in esse pressoché per la sua totalità, sembrava quasi grottesca. Sembrava, almeno: fino all’arrivo nel 2016 di Abzû, da Matt Nava, art director di Flower e Journey di thatgamecompany, e dal compositore di Flow e Journey, Austin Wintory.

Piacere, Abzû

Abzû è un prodotto di natura esplorativa, che per forza di cose ha visivamente tratti in comune con Flower, con i pesci dell’oceano di fatto al posto dei fiori, ma anche con le strutture arabeggianti di Journey e i colori di Monument Valley per quanto affondi le radici nella mitologia sumera. L’esplorazione è principe e, sebbene abbia luogo in ambienti tutto sommato contenuti in termini di dimensioni, viene ricompensata in diversi modi, sia legati alla sua componente feel good che all’ottenimento come bonus di punti in cui meditare e “trasferirsi” nel corpo di un numero ragguardevole di specie marine.

Al breve girovagare per completare la propria missione, si aggiungono puzzle molto leggeri che vanno man mano arricchendosi, pur essendo telefonati a livello di difficoltà e non avendo mai l’intenzione di mettere i bastoni tra le ruote agli utenti. In tal senso, va sottolineata l’abilità, pure artistica, di mettere sempre ben in evidenza i punti che nel percorso richiedono attenzione, ora con sottili giochi di luce, ora con mezzi più appariscenti come catene legate all’inizio e alla fine di un sentiero per sbloccare un portone.

È questa, in effetti, la sola interazione che avremo col gioco almeno fino ad un paio di brevi sequenze nel finale (gli ultimi venti minuti), in cui viene richiesto di passare silenziosamente davanti a delle macchine o di distruggerle nel magnifico crescendo conclusivo. Tematicamente, siamo dalle parti della favola ambientalista, che riflette col tratto delicato e silenzioso di un Journey sulla bellezza del male e sul male che gli stiamo arrecando.

Ricordate 2001: Odissea nello Spazio? Un film semplicemente incredibile, uno dei capolavori di Stanley Kubrick. Che rapporto ha con ABZÛ? In realtà quasi nessuno se non per un particolare: l’accompagnamento musicale. In Odissea nello Spazio, la musica classica e tutta la struttura audio del film faceva da sfondo a tutta la narrazione e lo ha reso un trionfale e immortale prodotto cinematografico.

Come in Journey, anche ABZÛ punta molto sulla colonna sonora composta da Austin Wintory che ricordiamo prevalentemente per Journey. Il risultato è un intreccio sonoro riuscito e semplicemente indimenticabile, e non scherziamo dicendovi che senza la melodia celestiale e magnetica della soundtrack, il gioco perderebbe molto del suo fascino e del suo modo di raccontare la vicenda.

È tutto oro ciò che luccica? Ovviamente no. Il gioco di Giant Squid Studios è un ottimo prodotto dallo stile unico, ma su Nintendo Switch soffre di qualche rallentamento durante la modalità portatile, nulla di troppo rilevante, ma certamente fa storcere il naso durante le sessioni di gioco fuori casa. C’è comunque da specificare che il porting è davvero notevole, soprattutto considerando la mole poligonale che il gioco mette su schermo durante l’esplorazione. Visivamente, quindi, rimane un’esperienza che si avvicina molto alle versioni Ps4 e Xbox One, con una risoluzione inferiore – 720p in Dock e 540p in modalità portatile -.

 

Scritto da Gerardo

News in vetrina
The Princess Guide: provato
The Princess Guide: provato
(Milano)
-

Alla forza bruta, Veronica preferisce l’utilizzo della materia grigia: astuta e manipolatrice, la rampolla della più eminente scuola di magia dei quattro reami di Relic Island instaurerà un rapporto quasi paritario con il giocatore, che dovrà evitare di e
  Son tutti bravi ad impugnare una spada o un’enorme ascia bipenne, trincerarsi...

Anno 1800: provato
Anno 1800: provato
(Milano)
-

Tendenzialmente ogni bene di consumo ha dietro di sé una catena produttiva specifica, a volte condivisa con altre, a volte univoca.
  L’esplorazione di mondi futuri non ha portato benissimo ad Anno e a Blue...

Weedcraft Inc: provato
Weedcraft Inc: provato
(Milano)
-

Oltre a Clyde bisognerà vedersela con molti altri individui e non tutti saranno disposti a tollerare di buon grado l'astro nascente dello spaccio locale.
  Sono passati oltre ottanta anni dall’emanazione del Marijuana Tax Act da...

Pumped BMX Pro: provato
Pumped BMX Pro: provato
(Milano)
-

All’inizio del gioco avremo accesso al primo set di mosse, più precisamente 8, corrispondenti ad ogni posizione dello stick analogico destro, e saranno i tricks più classici come barspin, turndown, tailwhip, superman etc.
  Pumped BMX Pro non è uno di quei giochi che vi terrà impegnati per ore e ore...

Assassins Creed III Remastered: provato
Assassins Creed III Remastered: provato
(Milano)
-

Tutta questa abbondanza è però tristemente bilanciata dalle sezioni nel presente con Desmond, dove traspare l’inesperienza degli sviluppatori cui furono ai tempi affidate.
  L’attuale generazione non sembra proprio in grado di districarsi del tutto da...




Network Informazione
Italiano Sveglia
Blog Italiano
Blog Notizie
Giornale di Oggi
Informarsi
Italia Blog
Leggendo
Notiziario Italiano
Notizie Blog
Notizie di Oggi
Notizie blog | Informazioni | Sitemap articoli

2013 Notizie Blog - Tutti i diritti riservati