40 ORE A SETTIMANA: italiani LAVORANO SEMPRE PIU'...ma i GUADAGNI?

(Torino)ore 23:08:00 del 31/01/2019 - Classe: , Denunce, Lavoro

40 ORE A SETTIMANA: italiani LAVORANO SEMPRE PIU'...ma i GUADAGNI?
Crescono i part time, ma negli ultimi cinque anni è tornato a crescere il numero di quelli che lavorano più di 40 ore a settimana. Si diffondono i tentativi di ridurre l’orario di lavoro

Per vocazione, per obbligo, o forse anche solo per necessità. Tra gli italiani crescono gli stacanovisti. Nonostante il numero di ore lavorate sia ancora ben lontano dai livelli pre-crisi e in tanti lavorino part time (non sempre per scelta), negli ultimi cinque anni è tornato a crescere il numero di quelli che in fabbrica o in ufficio restano più di 40 ore a settimana.

Più part time, e più straordinario
I dati sui tempi di lavoro degli italiani ci arrivano dall’Istat. Nel 2008 il numero di ore medie settimanali procapite lavorate era 41; nel 2017, dopo il calo negli anni della crisi, siamo tornati a 40 (poco sotto la media europea che è di 40,3). Ma questa è la media, e vale sempre la teoria dei polli di Trilussa. Se poi si guarda nei dettagli delle giornate lavorative, viene fuori un’altra verità.

Per prima cosa che i contratti a tempo parziale sono ormai circa un milione in più rispetto al 2008, e quasi sempre per scelta, ma del datore di lavoro. Secondo un’indagine della Fondazione di Vittorio-Cgil, solo nei primi nove mesi del 2017 i nuovi part time involontarierano oltre 1,7 milioni. Se entriamo nei dettagli e guardiamo alle fasce categorizzate dall’Istat, si vede che dal 2004 in poi sono aumentati quelli che lavorano tra 11 e 25 ore a settimana, ma anche quelli che rientrano tra le 26 e le 39 ore. Una tendenza in linea con l’aumento del part time. E fin qui si direbbe che si lavora di meno. Ma non è così.

Dal 2008 in poi invece si nota poi un aumento dell’incidenza dell’orario classico, fino a 40 ore, con un calo di quelli che vanno oltre, dovuto alla riduzione dello straordinario negli anni di crisi. Poi, dal 2013, quelli da 41 ore e più sono tornati a crescere. Arrivando al 18 per cento nel 2017. In termini assoluti: l’anno scorso si contavano oltre 3 milioni di stakanovisti. Quasi ai livelli del 2008.

Nell’ultimo trimestre del 2017, rispetto all’anno precedente, le ore lavorate per dipendente sono cresciute dell’1,6 per cento, con un picco del 2,9% nell’industria e un calo dello 0,7% nei servizi.

Dal 2013, i lavoratori da 41 ore e più sono tornati a crescere. Arrivando al 18 per cento nel 2017. In termini assoluti: l’anno scorso si contavano oltre 3 milioni di stakanovisti. Quasi ai livelli del 2008

Parola d’ordine: lavorare meno
C’è chi lavora tanto, e chi non lavora affatto, allora. Accade in un Paese, come l’Italia, in cui il tasso di occupazione fa fatica a spostarsi da quel 58 per cento. Non a caso, davanti alla tanto temuta sostituzione macchina-uomo, con la produttività in aumento, il tema dell’orario di lavoro è tornato centrale nella discussoione. Con la proposta della riduzione dell’orario a parità di salario che arriva dalla sinistra, sindacati compresi, e anche dai Cinque stelle (vedi il programma e l’intervista a Linkiesta di Pasquale Tridico, ministro del Lavoro in pectore dei 5s). Il discorso è questo: nel corso della storia, la giornata lavorativa è stata sempre ridotta. Ora siamo fermi dagli Settanta: perché non tornare a ritoccarla?

È quello che sostiene Piergiovanni Alleva, consigliere regionale dell’Emilia Romagna, il primo ad aver proposto un disegno di legge per ridurre l’orario di lavoro e creare nuove assunzioni. Da qualche parte, in Italia, è già accaduto. Seppure solo con piccoli esperimenti. Alla Valvoil, azienda metalmeccanica in provincia di Reggio Emilia con 900 dipendenti e un fatturato di tutto rispetto di oltre 190 milioni, l’orario è stato ridotto di 24 ore l’anno. Il che ha permesso di stabilizzare alcuni precari.

Altrove, invece, si sono limitati a ridure gli orari. E anche gli Stachanov del 2018 hanno accettato. Sul mondello dell’accordo territoriale dall’Ig Metall in Germania, a Bologna i sindacati metalmeccanici hanno siglato accordi con Ducati, Lamborghini, Marposs, Samp e Bonfiglioli, che prevedono la possibilità di scegliere tra aumenti in busta paga e ore di lavoro in meno. In tanti hanno scelto la seconda opzione. I 30 turnisti della Marposs possono optare tra un orario di 6 ore e 45 minuti e uno di 7 ore e 15 a settimana, con una maggiorazione di stipendio nel secondo caso. La stragrande maggioranza (27) ha preferito lavorare meno. Alla Samp ai 200 turnisti è stato proposto di scegliere tra una maggiorazione della paga per le ore più complicate da coprire e l’accumulo di permessi aggiuntivi. Nel primo caso avrebbero guadagnato 500 euro l’anno in più, nel secondo una settimana di ferie extra: il 75% ha scelto le vacanze. Altro che Satachanov.

Da: QUI

Scritto da Sasha

News in vetrina
Deficit e Debito Pubblico sempre piu' critici, crescita ZERO. Promesse NON MANTENUTE
Deficit e Debito Pubblico sempre piu' critici, crescita ZERO. Promesse NON MANTENUTE
(Torino)
-

Stime macroeconomiche della Commissione europea negative per l'Italia su pil, deficit e debito pubblico. La nostra economia non cresce e non riusciamo a risanare i conti pubblici, che peggiorano in maniera allarmante.
CRESCITA ZERO, ITALIA ULTIMA NELLA UE - Siamo quasi alla fine dell’anno ed è...

Dottor Google: AUTODIAGNOSTICARTI le malattie tramite il web ti uccide
Dottor Google: AUTODIAGNOSTICARTI le malattie tramite il web ti uccide
(Torino)
-

Oltre il 97% delle persone ricerca informazioni sanitarie online. Ma spesso i risultati sono inaffidabili e portatori d’ansia
SEMPRE PIU' PERSONE ANSIOSE PER RICERCHE MALATTIE SU GOOGLE - 2 americani su 5...

Costi Pos: quanto ci costano i pagamenti per bancomat obbligatori
Costi Pos: quanto ci costano i pagamenti per bancomat obbligatori
(Torino)
-

Secondo un'indagine di Altroconsumo gli esercenti arriverebbero a pagare delle commissioni abbastanza importanti.
QUANTO CI COSTA IL POS - Ridurre l’uso del contante per contrastare evasione e...

Tim, Vodafone e Wind denunciate per i tagli alle ricariche: VERGOGNA!
Tim, Vodafone e Wind denunciate per i tagli alle ricariche: VERGOGNA!
(Torino)
-

Il Codacons denuncia all'Agcom e all'Antitrust la ricarica premium, novità messa sul mercato da Tim, Vodafone e Wind.
Il Codacons ha formalizzato il pensiero di milioni di utenti italiani sotto...


(Torino)
-


"Carenza di un'adeguata impiantistica per il riciclo dei rifiuti, assenza di...




Network Informazione
Italiano Sveglia
Blog Italiano
Blog Notizie
Giornale di Oggi
Informarsi
Italia Blog
Leggendo
Notiziario Italiano
Notizie Blog
Notizie di Oggi
Notizie blog | Informazioni | Sitemap articoli

2013 Notizie Blog - Tutti i diritti riservati